11 maggio 2015
Categoria:
WordPress
Commenti: 1

WordPress e l’attributo title

Il 23% di Internet usa WordPress

E’ da tempo ormai che per sviluppare siti web, utilizzo WordPress. Originariamente realizzato come piattaforma per il blogging, WordPress nel tempo è diventato un potente ed efficace ambiente per la creazione di siti web di ogni genere. Dal sito vetrina di qualche decine di pagine, via via fino alla strutturazione di completi siti di e-commerce, questo efficiente CMS (Content Management System – sistema di gestione dei contenuti) consente la creazione e la manutenzione di un sito web, costituito da contenuti testuali e multimediali, facilmente gestibile ed aggiornabile.

Grazie ad una numerosa comunità di sviluppatori internazionali, questa piattaforma software è diventata un vero e proprio must, dotata di un numero veramente impressionante di plug-in (moduli/frammenti di codice che si integrano perfettamente con il software di base) che ne potenziano le capacità, al punto che si stima che il 23% di Internet utilizza WordPress.

WordPress 4.2 “major release”

Web Napoli Agency: prima di WordPress 4.2

Il 23 di aprile c.a. è stata resa disponibile la versione 4.2 di WordPress, che ha aggiunto nuove caratteristiche e numerose fix e aggiornamenti di protezione. Trascorso qualche giorno dell’aggiornamento, ho notato che dal box di inserimento/manutenzione dei link è sparito il campo “titolo”. Dopo qualche test per verificare che non si trattasse di incompatibilità impreviste con il tema installato o con altri plugin, ho dovuto accettare il fatto che l’attributotitle” del link è stato sostituito dall’anchor test di collegamento.

Addio all’attributo “title” sui link! Non è vero… ma ci credo

In HTML, l’attributo title“, rende disponibile per il collegamento, un titolo, che può essere diverso e maggiormente esplicativo rispetto al testo di ancoraggio, e che in un browser per desktop, al passaggio del mouse sul link è visualizzato in un tooltip. Al di la di questa funzione, in molti abbiamo utilizziamo questo attributo anche a fini SEO, ritenendolo utile per posizionare meglio le nostre keywords. In pratica però, con il passare delle tecnologie, questo attributo ha perso gran parte della sua utilità, perché con l’avvento della navigazione Internet da mobile e delle interfacce a touch screen degli smartphone e dei tablet e perfino negli screen reader utilizzati da persone affette da un deficit visivo, non è più visualizzato il tooltip con il titolo.

Con queste premesse e dopo aver analizzato la documentazione a corredo della nuova versione di WordPress, ho potuto verificare che l’attributo è stato intenzionalmente eliminato, proprio per i motivi precedentemente esposti. Inoltre, per quanto riguarda l’ottimizzazione per i motori di ricerca, il team di sviluppo ha ritenuto poco rilevante se non del tutto inutile, l’uso del titolo ai fini SEO. Quindi visti gli scarsi benefici in termini di accessibilità e di SEO, hanno ritenuto l’attributo title dei link, praticamente innocuo e inefficace.

La forzatura degli sviluppatori di WP

Web Napoli Agency: dopo di WordPress 4.2

Per concludere, alla domanda se ha ancora senso utilizzare l’attributo title nei collegamenti ipertestuali, il team di WordPress ha risposto semplicemente: no, non serve! Ovviamente, visto che l’attributo non è stato “deprecato” dal W3C ed è ancora presente nella versione 5 dell’HTML, si tratta di una forzatura degli sviluppatori, che suggeriscono di predisporre degli anchor text maggiormente accurati e che non necessitino di ulteriori tooltip esplicativi.

Una soluzione possibile

Quelli che volessero ancora usare il titolo nei link, potranno continuare a farlo, utilizzando la modalità testo dell’editor e inserendo manualmente l’attributo del tag link.

Mi si potrà obiettare… e per quelli che non sanno come si fa, o che sono così pigri da non volerlo fare?

La risposta è nella natura stessa del CMS, basta installare e attivare un plugin, il “Restore Link Title Field” e la funzionalità sarà automaticamente riattivata nel box di inserimento/manutenzione dei link di WordPress.

Vi invito a commentare per dire la vostra e… alla prossima.



Per continuare la lettura

  • Web Napoli Agency: web e Partita IVAWeb e Partita IVAErroneamente si ritiene che il Web sia un Far West senza regole o comunque con pochi controlli per quelle poche regole che esistono; questo in parte è anche vero, ma […]
  • Web Napoli Agency: internetServer DNS: risoluzione dominiCos'è un Server DNS? Ogni volta che nella barra degli indirizzi del browser, digitiamo un nome di dominio, quale ad esempio www.web-napoli.it, viene immediatamente […]
  • Web Napoli Agency: Studio Medico Odontoiatrico del Dott. Paolo PapaStudio Medico Chirurgico Odontoiatrico Paolo Papa a NapoliOggi, vorrei proporvi il nuovo sito, da noi realizzato per lo Studio Odontoiatrico Paolo Papa di Napoli. Il progetto nasce con lo scopo di realizzare un sito web che […]
  • Web Napoli Agency: TeamViewer, controllare un Pc da remoto non è mai stato così semplice!TeamViewer: controllo remoto del PCUna sera, la mia ragazza mi ha chiamato sul cellulare: era preoccupata perché aveva dei problemi con alcuni software istallati sul suo computer. Per risolverli, sarei […]
The following two tabs change content below.
Sono un'appassionato di Wordpress e collaboro alla gestione della Web Napoli Agency e alla moderazione dei contenuti di SEO & SEM Directory: la web directory italiana, generalista, moderata, libera e di qualità! Dal 2012, mi sto interessando alle attività SEO ed alle strategie di Link Building per i siti web da noi realizzati.

Ultimi post di Alessandro Di Somma (vedi tutti)

One response on “WordPress e l’attributo title

  1. elvio ha detto:

    boh a me sembra una vera cavolata, in realtà (ma è mia opinione) l’attributo title (che crea un tooltip a scomparsa sul browser) può essere usato come rafforzativo ad un link, una precisazione aggiuntiva che aiuta o spinge l’utente a cliccare su quel punto per avere maggiori precisazioni e non solo per uso SEO. Personalmente ne faccio un grande uso e spero che non venga mai deprecato dal W3C.
    Ora sembra che tutto il web giri solo sugli smartphone, ma la comodità di lavorare e sfogliare il web da un tradizionale PC è enormemente superiore… e allora almeno per questi tradizionalisti, lasciamolo no!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *